A poem by Giuseppe Tirotto
E pa' araddu un computer...
The original Sardinian
by G. Tirotto
Zin! Una lampizzadda.
S'accendi una stedda,
dui steddi...

E' una notti allummadda
lu quadru curriddu
da bianchi cavaddi elettriggi.
Una niedda stirrudda stiddadda.
Lu tempu è una prucissioni
imprissadda, lu riu
di currenti un ghjuali di boi
chi passa puddenti,
pintendi lu quadru di lugi
chi si sciogli in un alenu di iaccia,
lassendi di segni la tanca lauradda.

Eu chi vulìa criscì la vigna,
frabbiggà chisuri di fiori,
eu chena prufummi e saori
dananzi a chisti steddi ghjladdi;
eu dummadori di nùmmari,
pastori di cifri ribesti,
eu truvadori di parauli aresti,
eu di una linga elettrigga
           amministradori.

Macchina, inguddidora di tempu,
macchina amigga, ziracca,
           o paddrona mea?

Zin! Si studa una stedda,
dui steddi...
Un' anima tèttara imbara.
Luntanu i la tanca un ghjuali di boi,
di terra muìdda l'odori...
For a plough a computer...
English Translation
© Francesca Chessa
Zap! A spark
Switches on a star,
Two stars...

It's a bright night,
Across the screen
Electric white horses course.
A dark starlit expanse.
Time is a procession
In a hurry, the flux
Of current - the yoke of oxen –
That powerfully pass,
Painting a picture with light
That melts in a frosted breath,
Leaving signs on the ploughed field.

I who'd tend the vine,
Growing a hedge of flowers,
I, without scent or taste
Facing these frozen stars;
I, tamer of numbers,
Shepherd of rebel code,
I, of wild words, troubadour,
I, the electric language
           administrator.

A machine that devours time,
My friend, my servant,
           Or my master?

Zap! Out goes a star,
Two stars...
A frozen soul remains.
Far away in the field yoked oxen
The smell of tilled soil...
E per aratro un computer...
Italian Translation
by Giuseppe Tirotto
Zin! Un bagliore.
S'accende una stella,
due stelle...

E' una notte allumata,
lo schermo percorso
da bianchi cavalli elettrici.
Una scura distesa stellata.
Il tempo è una processione
affrettata, il flusso
di corrente un giogo di buoi
che passa potente,
dipingendo il quadro di luce
che si scioglie in un respiro di ghiaccio,
lasciando di segni il campo arato.

Io che volevo crescere la vigna,
fabbricare siepi di fiori,
io senza profumi e sapori
dinanzi a queste stelle gelate;
io domatore di numeri,
pastore di cifre ribelli,
io conduttore di selvagge parole,
io di una lingua elettrica
           amministratore.

Macchina, divoratrice di tempo,
macchina amica, serva,
           o padrona mia?

Zin! Si spegne una stella,
due stelle...
Un'anima gelida resta.
Lontano nel campo un giogo di buoi,
di terra rimossa il profumo...
[Home]