A poem by Nisio Onorato

First published in Nisio Onorato, Fochi d'ammentu, Stampacolor, Sassari, 2000.
Lu nascimentu di l'alburi
(a me' fiddholu)
The original Sardinian
by Nisio Onorato
In tarra innita
lu semini uccurresi,
tunchju cuatu
di la 'ita.
E fusi
lu nascimentu di l'alburi
in chissa carrera assuliata
undi li casi so' malumbri
e li balconi
occhj di petra
smarrati da lu 'entu.

In chissa carrera
chi dia palcurri
sulittariu
cu la beltula in coddhu
di lu pientu.
Ma ogghj
sutt'a li frondi m'assentu
c'ani di lu me' sangu
lu culori
in chista festa di fiori
crisciuti
illa pastera boita
di lu tempu.
The birth of the tree
(to my son)
English Translation
© F.Chessa & G.Brelstaff
In ungrazed land
a seed sowed itself:
life's
hidden moan.
The birth of a tree
then followed
along that sunny road
where the houses are ghosts
and the windows
eyes in stone
gutted by the wind.

Along that road
alone
I shouldered
a napsack
of tears.
Though now
I sit beneath the leaves
coloured like
this blood of mine
amid this feast of flowers
grown
within the empty vase
of time.
La nascita dell'albero
(a mio figlio)
Italian version
by Nisio Onorato
In terra vergine
il seme penetró,
gemito nascosto
della vita.
E fu
la nascita dell'albero
in quella strada soleggiata
dove le case sono fantasmi
e le finestre
occhi di pietra
sventrati dal vento.

In quella strada
che dovevo percorrere
solitario
con la bisaccia in collo
del pianto.
Ma oggi
sotto le foglie mi siedo
che hanno del mio sangue
il colore
in questa festa di fiori
cresciuti
nel vaso vuoto
del tempo.

[Home]