<< | Home | >>
  E Cun Cantu Cuaddus | E Con Quanti Cavalli - Benvenuto Lobina

E Cun Cantu Cuaddus
Benvenuto Lobina
sardo,campidanese

E cun cantu cuaddus eus curtu,
o nonnu, deu e tui.
Cuaddus a sa nua,
cuaddus chenza 'e ferrai,
annigrànta in i' notti' de lugori,
marrasceddànta asutta 'e sa ventana,
si ndi scidànta in punta 'e mesunotti
ca no bìanta s'ora
de partiri cun nosu a totu fua.

I a totu fua comente unu 'entu
seus passaus, nonnu, tui e deu,
in Campidanu, in s'Ollasta,
in Cabesusu e in terra' di Abraxa:
e fuau' bandidus e furonis.
(Omini di onori
- narà' sa genti -,
furonis chi torrobànta
sceti predis arriccus.)

Cantu campidanesas titta' mannas
a agroppa' de cuaddus curridoris,
nonnu, a sa moda antiga, eus furau!
Iaus fattu in pizzu 'e unu monti,
cun àturu' bandidus, una 'idda
totu noa: mancànta sceti is féminas
e i sa crésia.

Mi pàri' de ti biri, tandu, nonnu,
in pizzu 'e unu muru aboxinendu:
"Pinnigai is cuaddus!
Bisòngiad' a partiri
nottesta e totu facci a Campidanu.
Nottesta è notti 'e lugori,
notti 'e furai féminas, piccioccus."
I a is féminas furadas ddis praxìada
sa 'idda 'e perda bia: Biddanoa.

E po fai sa crésia unu predi
de s'Ollasta s'ia' donau
tres crobi' de marengus e iscudus.
De bonu coru, creei,
ananti 'e unu trèbini avrigau...

Nottesta custu 'entu 'e tramuntana,
nonnu, m'ind'a' bettìu
s'annìgridu 'e totu 's cuaddus
de is istorias chi mi contàsta
sèzzius in bìngia a s'umbra 'e cudda figu.
E Con Quanti Cavalli
Benvenuto Lobina
italiano
E con quanti cavalli abbiamo corso,
o nonno, io e tu.
Cavalli senza sella,
cavalli senza ferri,
nitrivano nelle notti di luna,
scalpitavano sotto la finestra,
ci svegliavano a mezzanotte in punto
ché non vedevano l'ora
di partire con noi a tutto galoppo.

Ed a tutto galoppo, come un vento,
siamo passati, nonno, tu ed io,
in Campidano, in Ogliastra,
in Logudoro e in terre di Barbagia:
ed eravamo banditi e ladroni.
(Uomini d'onore
- diceva la gente -,
ladroni che derubavano
soltanto ricchi preti.)

Quante campidanesi dai grossi seni
in groppa a cavalli corridori,
nonno, alla maniera antica, abbiamo rapito!
Avevamo fondato in cima a un monte,
con altri banditi, un paese
tutto nuovo: mancavano le donne, soltanto,
e la chiesa.

Mi sembra di vederti, allora, nonno,
sopra di un muro, urlando:
"Radunate i cavalli!
Bisogna partire
stanotte stessa verso il Campidano.
Stanotte è notte di luna,
notte di rubare donne, giovinotti!".
E alle donne rubate era piaciuto
il paese di pietra viva: Biddanoa.

E per costruire la chiesa un prete
dell'Ogliastra ci diede
tre còrbule di marenghi e di scudi.
Di buon animo,
credetemi, davanti ad un treppiede arroventato...

Stanotte il vento di tramontana,
nonno, mi ha riportato
il nitrito di tutti i cavalli
delle storie che mi raccontavi
seduti in vigna all'ombra del fico.