Ol'ga Aleksandrovna Sedakova - Biografia

©2004 Francesca Chessa [Home]

Ol'ga Aleksandrovna Sedakova è l'erede della tradizione dei grandi poeti russi del '900, quali Osip Mandel'shtam, Anna Akhmatova, Velimir Khlebnikov e Iosif Brodskij. Figura di grande rilievo, è ammirata non solo come donna di lettere e scrittrice, ma anche come studiosa nota al mondo accademico internazionale. La sua forte presenza nel mondo della poesia e delle lettere dalla fine del '900 agli inizi del 2000 non ha subito incrinature. Il suo pensiero, lucido e penetrante, è fortemente radicato nella sua coscienza religiosa e poetica.

Ol'ga Aleksandrovna Sedakova è nata a Mosca nel 1949, ha studiato e si è laureata presso quella Università dove attualmente insegna1. Scrive fin dagli anni '60 e la sua produzione poetica, rimasta ai margini tra gli anni '70 - '80, era affidata, in patria alla fortuna delle copie dattiloscritte di circolazione limitata e, all'estero, all'editoria dei centri culturali dell'emigrazione. Ma dalla metà degli anni '80 circa i suoi versi e i suoi saggi critici cominciarono ad apparire in riviste letterarie russe specializzate, in Estonia a Tartu, in Russia. I suoi testi furono nello stesso tempo tradotti in diverse lingue occidentali2. La Sedakova, in Russia, è assai nota come traduttrice di poesia dalla maggior parte delle lingue europee che padroneggia, non solo nella scrittura ma anche nell'oralità, con un particolare accento straniero che non teme l'errore. Famose sono diventate in Russia le sue traduzioni di Francesco d'Assisi, Dante, Petrarca, Rilke, Claudel, T.S. Eliot, Pound, Celan, e anche di rime inglesi per l'infanzia. Di recente è stata pubblicata la raccolta delle sue opere quasi un'Opera omnia in due volumi editi a Mosca nel 2001, dalla casa editrice russa En Ef K'ju/Tu Print.

Premi:

I riconoscimenti ufficiali alla Sedakova provengono attualmente da ogni luogo della cultura occidentale laica e religiosa, e si riferiscono tutti alla sua attività trentennale nell'ambito della cultura russo-ortodossa e della poesia russa in Occidente e in Oriente. Insignita del Premio Belij per la poesia a Leningrado nel 1980; del Premio Città di Parigi ad un poeta russo, nel 1991; e nel 1991 Premio Schiller; nel 1992 viene nominata Donna dell'anno nel Dizionario Biografico Internazionale di Cambridge; nel 1994 Alfred Toepfer Schiftung Fund Award- Premio Pushkin, ad Amburgo; nel 1995 Premio Europeo per la poesia a Roma; nel 1998 Premio Stato della Città del Vaticano: Le radici cristiane dell'Europa. Nel nome di Vladimir Solov'ev, a Roma-Città del Vaticano; nel Marzo del 2003 ha ricevuto a Minsk presso la Facoltà di Teologia dell'Università Europea di Minsk la laurea honoris causa in Teologia con la seguente motivazione: Per gli insigni risultati nell'illuminazione spirituale e per la testimonianza cristiana ad Est e ad Ovest; nel Maggio del 2003 le è stato attribuito il Premio della Fondazione Solzhenitsyn, per la poesia, che ha condiviso con il poeta russo Kublanovskij3.
Note

1. Sulla Sedakova in italiano cfr. Michaela Böhmig, Presenze femminili nella poesia russa degli anni 80-90: Ol'ga Sedakova, il lavoro fa parte di un volume che raccoglie gli Atti di un Convegno che si è svolto a Bologna nei giorni 22 e 23 Novembre del 1996, organizzato da Haisa Pessina Longo e di Anjuta Ganchikov, dall'Associazione Italiana Russisti- A.I.R., e dal Dipartimento di Lingue e letterature straniere dell'Università di Bologna. Letteratura russa contemporanea. Autori, opere, tendenze, a cura di Haisa Pessina Longo, Bologna, CLUEB, 1998. Per una bibliografia completa della Sedakova in lingua russa cfr. le pagine elettroniche dedicate ai poeti e intitolate: Poesia all'Università Lomonosov da Lomonosov a.... [Poezija Moskovskogo Universiteta, ot Lomonosova do...] e pubblicate presso l'Università Lomonosov di Mosca al seguente indirizzo: (http://www.poesis.ru). La voce Sedakova è consultabile on line: http://www.poesis.ru/poeti-poezia/sedakova/biograph.htm. In lingua inglese ricordiamo il volume pubblicato dalla British Library, di Neil Cornwell, Nicole Christian, Reference Guide to Russian Literature, London, Chicago, Fitzroy, 1998, pp.713-714. La voce dedicata ad Ol'ga Sedakova è di Valentina Polukhina che ha curato la traduzione inglese delle sue opere insieme a Richard McKane. [Back]

2. I versi della Sedakova sono stati tradotti in inglese, tedesco, francesce, svedese, olandese, ebraico, albanese, serbo, greco, finlandese, polacco e cinese. In italiano alcune versioni di componimenti poetici sono apparsi nelle pagine di A. Sergievskij sulla poesia russa e i suoi poeti nella traduzione di Maria Cicognani Wolkonsky. Le pagine sono consultabili on-line al seguente indirizzo: http://www.flipnews.org/piazzetta/iniz.editoriali%20soci/Alexander2.htm. Traduzioni in italiano e un'edizione del Viaggio in Cina [Kitaiskoe Puteshestvie], del 1989 è stata pubblicata nel 2002 nelle pagine dell'Università di Sassari: http://www.uniss.it/fch/ViaggioInCina/index.html, e ancora una traduzione una poesia tratta da Canzoni Antiche, è stata pubblicata in Intervista con Olga Sedakova: Aleksander Sergievskij in "Poeti russi contemporanei", nel Giornale dei poeti, (Mensile europeo di letteratura e attualità artistico-culturale), Roma, Anno XIII, N 9, Settembre 1997, pag 6-7. [Back]

3. Ju. Kublanovskij, è poeta e pubblicista. Nato nel 1947, ha studiato a Mosca negli anni '70, presso la Facoltà di Filologia dell'Università Lomonosov. Nel 1975 fu l'autore di una lettera aperta in favore di Solzhenitsyn, contro la condanna dello scrittore alla deportazione. Emigrato nel 1982, è vissuto a Parigi, a Monaco, è ritornato in Russia nel 1991. Attualmente vive a Mosca e dirige nella rivista Novij mir la sezione della poesia. È ancora oggi considerato un poeta della letteratura non ufficiale, poeta dell'emigrazione, e per il suo profilo artistico e letterario, Premio Solzhenitsyn nel 2003. [Back]